sabato 23 maggio 2015

L'uomo senza qualità

In questa giornata piovosa, l'ennesima, vi ripropongo uno stralcio del racconto "L'uomo senza qualità", estratto da Se volessi essere disturbato. Sarà il senso di solitudine che mi dà la pioggia ma penso che questo racconto si adatti bene alla giornata, o forse è la giornata che si adatta al racconto. Un po' come due amanti, entrambi affermano che l'altra persona è adatta per sé. 
Buona lettura!



Era appena sceso dalla navetta colore verde e nocciola quando controllò il suo boarding pass, indicava seat 24E, andò stancamente a sistemarsi al suo posto. Poggiò la borsa sotto il sedile, si sedette, ignorò il resto degli esseri umani che si sistemavano nella carlinga, chiuse gli occhi e subito si addormentò. Notò appena la presenza delle altre persone, provenienti da chissà dove e destinati dio solo sa in quale posto. Li aveva visti e sentiti parlare, sistemarsi nei loro posti, ma non li aveva osservati. Lui non era quel tipo di individuo, osservatore attento e scaltro. Lui, guardava quando doveva attraversare la strada, cercava la calze del suo numero all’outlet ma per il resto avrebbe potuto vivere senza occhi. Ed era stato così anche in quell’occasione, così poco interessato a quella trasferta da non ricordarsi neanche bene il nome di quella città costruita in una landa desolata, eretta a simbolo della nazione dal presidente padrone, capitale ricca di nuovi palazzi e vecchie case ormai tristi e fuori luogo. Avrebbe portato a casa solo immagini sfuocate di quella sua trasferta in ex terra sovietica. Come dargli torto, mica se lo aspettava che sarebbe dovuto andare, così all’improvviso, un week end a parlare del suo lavoro in capo al mondo. Dove la temperatura media annuale è di 3 gradi e dove d’inverno la minima arriva fino a meno 40. Gli scherzi della vita.
...

4 commenti:

  1. Il racconto finisce con la frase "Gli scherzi della vita" o ne manca un pezzo?
    Mah... sono molto perplesso

    RispondiElimina
  2. È solo una parte del racconto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevi giustamente citato anche tra le prime righe, perdonami, mi era sfuggito.
      Dunque muto la mia perplessità nel fatto che, così troncato, questo racconto non dica nulla e non sia di nessun supporto al post.
      A che pro, quindi, pubblicare?

      Elimina
  3. E' un estratto di un mio racconto presente nel mio ultimo libro. Pubblicità...

    RispondiElimina