sabato 30 gennaio 2016

Leggiamo o no?

Lo scorso 10 gennaio scrivevo un post sulla diserzione degli italiani nei confronti della cultura e quindi anche della letteratura. Il post è questo: maurofornaro.blogspot/ilveroproblemadellacultura.

Oggi vi presento qualche dato dell’Istat, che almeno in parte, ci dice esattamente il contrario: anche se si registra qualche leggero incremento, gli italiani restano per lo più un popolo di non lettori.  E fino a qua non cambia nulla!
Parlando di cifre e statistiche, l’AIE  ha diffuso i primi dati sul mercato editoriale italiano del 2015 e, rullo di tamburi, il fatturato delle vendite dei libri è cresciuto, nel nostro paese, per la prima volta dal 2011. La crescita è piccola, ma è comunque piacevole vedere un segno + dopo tanta desolazione. Nielsen stima la crescita nello 0,7 % rispetto al 2014 in librerie, store online e grande distribuzione, ma secondo l’ufficio studi dell’AIE, considerando anche il fatturato derivato dagli ebook e dagli altri canali di vendita (fiere, bookshop dei musei, edicole) si arriva al 1,6%. Non male...
Le vendite degli ebook sono cresciute del 25,9 %, quelle di festival librari e musei dell’8,1. 
Negli ultimi cinque anni il mercato editoriale italiano è calato costantemente: dal 2011 al 2014 ha perso quasi l’11,5 % del proprio valore, passando da 2,15 miliardi di euro a 1,9 (scolastica esclusa). Nel 2015 librerie e grande distribuzione hanno fatturato 1,202 miliardi di euro rispetto a 1,09 miliardi del 2014. Gli ebook hanno fatturato 51 milioni di euro, festival e musei 43,8. Secondo i dati di Nielsen, nel 2015 in Italia sono state vendute 90,9 milioni di copie di libri: il dato è in leggera flessione – circa il 2,1 % in meno rispetto al 2014 -, ma la perdita sulla carta è stata ampiamente recuperata con le copie digitali.
Fate le vostre considerazioni, in realtà penso che gli italiani veramente legati alla lettura siano un percentuale che si aggira attorno al 3/4% della popolazione, e che i giovani leggano più per costrizione che per vero interesse. E' un parere mio.
Tutti i dati della ricerca che ho commentato li trovate qui: mercatodeilibri.

mercoledì 27 gennaio 2016

A venerdì!

Mancano due giorni alla presentazione dei miei libri alla libreria L'edera di carta di Cavarzere (Ve). 
Vi omaggio di qualche foto con Massimo Danieli, compagno di viaggio nel nostro reading musicale. 
facebook/evento/ederadicarta


Durante la serata sarà possibile acquistare i miei libri e i cd di Massimo. Per avere i miei libri, anche in versione ebook, potete consultare il sito dell'editore: www.edizionidelfaro.it o scrivermi a maurofornaro76@gmail.com.

facebook/evento/ederadicarta


Se non li conoscete:
Edizionidelfaro/Unacomplessasemplicità
Edizionidelfaro/Lafaticadinonpensare
Edizionidelfaro/Sevolessiesseredisturbato




facebook.com/maurofornaro (pagina ufficiale: facebook.com/MauroFornaro)
twitter.com/MauroFornaro
plus.google.com/MauroFornaro 
mebook.it/MauroFornaro
Instagram/maurofornaro 

Vi lascio con un video di Massimo, a venerdì!!!



Quello che non ho è un orologio avanti per correre più in fretta e avervi più distanti.
Fabrizio De André

lunedì 25 gennaio 2016

I miei libri all'Edera di Carta

Qualche altra news per venerdì 29 gennaio, quando sarò ospite della libreria L'edera di carta di Cavarzere (Ve), inizio ore 18.45 - assieme a Massimo Danieli, nel nostro consueto reading musicale di presentazione dei miei libri. Quindi torneranno alla ribalta, oltre a Se volessi essere disturbato, anche La fatica di non pensare e Una complessa semplicità
Eccovi la locandina e l'evento creato su Facebook. Scalpitiamo!!!

facebook/evento/ederadicarta

Durante la serata sarà possibile acquistare i miei libri e i cd di Massimo. Intanto, vi ricordo che... per acquistare i miei libri, anche in versione ebook, potete consultare il sito dell' editore: www.edizionidelfaro.it o contattarmi a maurofornaro76@gmail.com.

Se non li conoscete:
Edizionidelfaro/Unacomplessasemplicità
Edizionidelfaro/Lafaticadinonpensare
Edizionidelfaro/Sevolessiesseredisturbato

facebook.com/maurofornaro (pagina ufficiale: facebook.com/MauroFornaro)
twitter.com/MauroFornaro
plus.google.com/MauroFornaro 
mebook.it/MauroFornaro
Instagram/maurofornaro 

Quello che non ho è un orologio avanti per correre più in fretta e avervi più distanti.
Fabrizio De André

sabato 23 gennaio 2016

Io, Massimo e un po' di libri

Come promesso, venerdì 29 gennaio sarò alla libreria L'edera di carta di Cavarzere (Ve), inizio ore 18.45 - assieme a Massimo Danieli, nel nostro consueto reading musicale di presentazione dei miei libri. Quindi torneranno alla ribalta, oltre a Se volessi essere disturbato, anche La fatica di non pensare e Una complessa semplicità. Proprio da quest'ultimo libro citato, vi riporto questa poesia.

Mi vergogno
un poco, appena.

Sono così,
imperfetto.
Così imperfetto
da essere
speciale
nelle mia
imperfezione.

Un sabato sera
passato a bere
vino.
Dando le spalle
a tutti.
Facendo finta
di non vedere
e non sentire
niente.

Tranquillo, aspetto.

Aspetto ciò che voi, non vedrete mai
non sentirete, non capirete mai

Ma io aspetto, tranquillo
senza fretta
senza nessuna pretesa

Perché chi ha gli occhi
per sapere
non mi ha mai offeso.

Guardate Dio.
Non mi ha mai offeso
io no, invece
e questo è un punto a suo favore
e gliene do atto.

Le foche lavorano
sott’acqua, in mezzo
alle alghe


Il castoro si organizza
per affrontare i lunghi mesi di gelo

E ciò che a voi
sembra così stupido
è invece molto intelligente
cari miei idioti del
sabato
sera.





Durante la serata sarà possibile acquistare i miei libri e i cd di Massimo. Intanto, vi ricordo che... per acquistare i miei libri, anche in versione ebook, potete consultare il sito dell' editore: www.edizionidelfaro.it o contattarmi a maurofornaro76@gmail.com.

Se non li conoscete:
Edizionidelfaro/Unacomplessasemplicità
Edizionidelfaro/Lafaticadinonpensare
Edizionidelfaro/Sevolessiesseredisturbato

facebook.com/maurofornaro (pagina ufficiale: facebook.com/MauroFornaro)
twitter.com/MauroFornaro
plus.google.com/MauroFornaro 
mebook.it/MauroFornaro
Instagram/maurofornaro 

Quello che non ho è un orologio avanti per correre più in fretta e avervi più distanti.
Fabrizio De André

venerdì 22 gennaio 2016

Caproni

Il 22 gennaio del 1990 moriva Giorgio Caproni, un grande poeta. Voglio ricordarlo con questa poesia, semplicemente un capolavoro. Sempre attuale e utile per molti, peccato che i "molti" non leggano...



Saggia apostrofe a tutti i caccianti


Fermi! Tanto
non farete mai centro.

La Bestia che cercate voi,
voi ci siete dentro.






Buonanotte.

mercoledì 20 gennaio 2016

Voi che vorreste

In attesa di darvi le informazioni dei prossimi eventi, oggi posto una poesia recente. Buona lettura!


Voi che vorreste prendere a calci in culo la luna
non avete il coraggio di rovinare la vostra vita
e ripartire da capo.
Cambiate lavoro
solo se lo Stato
ve ne garantisce uno nuovo.
A parole siete degli outlaw
in pratica andate a messa
con la famiglia e i suoceri
il giorno di Natale.
Se la luna è lassù,
inarrivabile,
un motivo c’è.
Dovreste segnare
col sangue
la strada che vi separa
da lei
e non pretendere
una relazione
alla pari
con gli Dei.

domenica 17 gennaio 2016

Ultime news per domani!

Eccomi con le ultime news per domani! A tutti quelli che vogliono passare la serata con Rosso Tenebra, ricordo che:
Direi che di scuse non ne potete più avere, ci vediamo lunedì 18 gennaio, al Cockney London Pub  -inizio 21.30- con il sottoscritto, Fabrizio Carollo e Massimo Danieli

facebook.com/evento/rossotenebra

giovedì 14 gennaio 2016

Paris, nuit

Oggi posto una poesia che ho scritto lo scorso anno e che ho già postato. E' stata a fine anno inserita nell' antologia di Aletti Editore, Il Federiciano, quindi ho pensato di ripostarla. 
Poesia per Mirca.



Vedo famiglie serene
passare i sabato pomeriggio
al mare,
con gli aquiloni e
i tramonti da cartolina.
Mentre la mia vita
fa male come un pezzo
di vetro nascosto
nella sabbia.
Loro sono quelli
che riconoscono
gli errori
anche al buio.
Vedono la verità
nelle tenebre
della notte.
Sono così
sicuri e pragmatici
che non sbagliano mai.
Loro non hanno
dubbi
e conoscono il significato
della parola amore.

Ed Io?
io mi perdo
tutti i giorni
dentro te.



Per acquistare i miei libri, anche in versione ebook, potete consultare il sito dell' editore: www.edizionidelfaro.it o contattarmi a maurofornaro76@gmail.com.

Se non li conoscete:
Edizionidelfaro/Unacomplessasemplicità
Edizionidelfaro/Lafaticadinonpensare
Edizionidelfaro/Sevolessiesseredisturbato

facebook.com/maurofornaro (pagina ufficiale: facebook.com/MauroFornaro)
twitter.com/MauroFornaro
plus.google.com/MauroFornaro 
mebook.it/MauroFornaro
Instagram/maurofornaro 


Quello che non ho è un orologio avanti per correre più in fretta e avervi più distanti.
Fabrizio De André

martedì 12 gennaio 2016

Rosso tenebra al Cockney

Come ormai ben saprete, il 18 gennaio sarò al Cockney London Pub di Correzzola (Pd) con Fabrizio Carollo per la presentazione del suo ultimo romanzo, Rosso tenebra. Durante la serata, che mi vedrà coinvolto come intervistatore, ci sarà anche la partecipazione di Massimo Danieli, amico cantautore, che ci accompagnerà con il suo repertorio. 
Le foto sono di Daniela Martin  -  @laddani  -  laddani.tumblr.com


Durante la serata, ci verrà a trovare il protagonista dell'ultimo libro di Fabrizio, Samuel Gideon, operaio in una fabbrica metalmeccanica, è assalito da spaventosi incubi ad occhi aperti.
Ognuno di essi ha come comune denominatore una splendida ragazza bionda che pare perseguitarlo e che lui pensa di avere conosciuto nella realtà. Ma gli incubi non sono il solo problema di Sam: sempre più spesso, egli sente infatti crescere dentro di sé una strana quanto incontenibile sensazione di sete irrefrenabile, come il desiderio di assorbire la vita altrui.

Ormai sull’orlo della follia, l’uomo non troverà alcun conforto nemmeno nelle parole dell’amico psicanalista Hibbert, che cercherà di minimizzare la cosa parlando di stress e troppo affaticamento lavorativo ed al culmine del terrore. Le conseguenze saranno... quali saranno? 


Tutte le info della serata le trovate qui: facebook/evento/Carollo

domenica 10 gennaio 2016

Il vero problema della cultura...

Qualche altro dato sui lettori italiani, qui l'articolo completo: libreriamo.it/6italianisu10nonleggono.

Dice la ricerca che, in Italia circa una persona su 5, ossia il 18,5% della popolazione, non svolge alcuna attività culturale, anche se semplice e occasionale, e nell’ultimo anno non ha letto un libro o un giornale, non ha visitato musei, mostre, siti archeologici, non è andato a teatro, al cinema, a un concerto né a uno spettacolo sportivo e nemmeno a ballare. La percentuale è al 28,2% al Sud, e cala al 12,1% nel nord Est. Entrando nel dettaglio: oltre il 50% (51,9%) degli italiani nel 2015 non ha mai sfogliato un quotidiano nell’arco di una settimana mentre quasi 6 italiani su 10 non ha letto nemmeno un libro per non parlare della visita ad una mostra o a un museo, disertati dal 68,3%. Sono questi i dati contenuti nell’ultimo annuario statistico dell’IstatSono le donne a non partecipare alle attività culturali (21%) rispetto agli uomini (15,8%), la percentuale raggiunge il suo massimo tra le 75enni (50,8% contro il 35,5% degli uomini). Cinema: il 48,9% non ha mai visto un film sul grande schermo nell’ultimo anno, e tra gli over 75 anni la percentuale sale finanche al 90%.
Musei e mostre sono disertati dal 68,3% degli italiani (e dal 78,5% dei residenti nelle regioni del Sud). La disaffezione, spiega l’Istat, si diffonde a partire dai 20 anni e raggiunge il suo picco tra gli ultra 75enni (88,3%). Siti archeologici e musei sono del tutto ignorati dal 74,7% degli italiani, e ancora di più se abitanti nelle regioni del Sud (81,4%). Ma il Sud si differenzia per un maggiore ‘interesse’ al cinema: l’afflusso al cinema è infatti del 50,1% contro il 48,9% della media nazionale. Tra i cittadini con più di 20 anni, il numero di chi ‘snobba’ le sale cinematografiche aumenta con il crescere dell’età. La non partecipazione a eventi sportivi invece è fortemente marcata da differenze di genere: il 62,5% dei maschi, contro l’81,9% delle femmine.
Quanto alla lettura, chi trascura questo interesse sono maggiormente gli abitanti del Sud (62,7%), i bambini gli adolescenti e i giovani fino a 19 anni (con valori che passano dal 92 all’84,9% per coloro che hanno meno di 15 anni e che vanno dal 74,5% al 66% per la classe di età 15-17 e 18-19). Le donne che non hanno mai aperto un quotidiano sono più degli uomini (56,8% contro 46,7%). I libri sono ‘snobbati’ invece dalla metà delle donne, e da ben il 63,4% degli uomini. Tra i residenti nelle regioni del Nord est la percentuale di non lettori di libri è la più bassa (50%) mentre al Sud oltrepassa il 69%.  Tra chi si dedica alla lettura, poi, il 45,5% legge al massimo 3 libri l’anno – e sono in particolare i giovani – mentre solo il 13,7% legge più di un libro al mese.
L’unico segno positivo riguarda le nuove tecnologie: nel 2015, il 56,5% della popolazione dichiara di utilizzare il pc e il 60,2% usa Internet. Il 40,3% ‘naviga’ ogni giorno, con un incremento del 2,8% dei naviganti nel 2015 rispetto al 2014, aumento di oltre 33 punti percentuali dal 2011.

Detto questo, dati che onestamente non mi sorprendono, visto anche l'aumentare dei consensi della Lega Nord e del PD, partiti populisti e vuoti di argomenti e interessi (battuta, ma fino ad un certo punto), mi domando se la cultura in Italia viene presentata in maniera corretta. Troppo facile parlare di italiani caproni. Gli stadi sono pericolosi, i musei hanno orari strani e spesso con prezzi non da famiglia, i cinema costano poco solo in momenti particolari, e ce ne sarebbero molte altre cose da dire. 
Va bene, l'italiano medio vive bene anche senza "cultura", ma se chi dovrebbe fare cultura la fa in maniera inavvicinabile...

venerdì 8 gennaio 2016

Rosso tenebra con Massimo Danieli

Ve lo ripeto: il 18 gennaio sarò al Cockney London Pub di Correzzola (Pd) con Fabrizio Carollo per la presentazione del suo ultimo romanzo, Rosso tenebra. Durante la serata, che mi vedrà coinvolto come intervistatore, ci sarà anche la partecipazione di Massimo Danieli, amico cantautore, che ci accompagnerà con il suo repertorio. Per quelli che non lo conoscessero, gustatevi questo...
video



Tutte le info della serata le trovate qui: facebook/evento/Carollo

martedì 5 gennaio 2016

Rosso tenebra

Come vi dicevo a fine dicembre, con l'anno nuovo avrei avuto dei nuovi impegni editoriali. Nel primo di questi eventi, esattamente il 18 gennaio, sarò al Cockney London Pub di Correzzola (Pd), inizio ore 21.30 - assieme a Fabrizio Carollo e Massimo Danieli. Durante la serata parleremo soprattutto dell'ultimo libro di Fabrizio, Rosso Tenebra, ma non solo: chiacchiereremo anche degli altri suoi libri e pure dei miei. Massimo ci accompagnerà con chitarra e voce. 
Per avere altre info potete cliccare qui: facebook/evento/Carollo.

Vi aspettiamo con Rosso Tenebra il 18 gennaio al Cockney London Pub e, con noi... Samuel Gideon, operaio in una fabbrica metalmeccanica, assalito da spaventosi incubi ad occhi aperti. Ognuno di essi ha come comune denominatore una splendida ragazza bionda che pare perseguitarlo e che lui pensa di avere conosciuto nella realtà. Ma gli incubi non sono il solo problema di Sam: sempre più spesso, egli sente infatti crescere dentro di sé una strana quanto incontenibile sensazione di sete irrefrenabile, come il desiderio di assorbire la vita altrui. E pare che, l'amico psicanalista Hibbert non possa fare nulla...


domenica 3 gennaio 2016

I tre setacci




Ho deciso che ogni primo post dell'anno, a partire da questo 2016, parlerà di questa storia.

Nell'Antica Grecia, Socrate aveva una grande reputazione di saggezza. Un giorno venne qualcuno a trovare il grande filosofo, e gli disse: 
-Sai cosa ho appena sentito sul tuo amico?
-Un momento - rispose Socrate. - Prima che me lo racconti, vorrei farti un test, quello dei tre setacci.
- I tre setacci?
- Sì. - continuò Socrate. - Prima di raccontare ogni cosa sugli altri, è bene prendere il tempo di filtrare ciò che si vorrebbe dire. Lo chiamo il test dei tre setacci. Il primo setaccio è la verità. Hai verificato se quello che mi dirai è vero?
- No... ne ho solo sentito parlare...
- Molto bene. Quindi non sai se è la verità. Continuiamo col secondo setaccio, quello della bontà. Quello che vuoi dirmi sul mio amico, è qualcosa di buono?
- Ah no, al contrario!
- Dunque, - continuò Socrate, - vuoi raccontarmi brutte cose su di lui e non sei nemmeno certo che siano vere. Forse puoi ancora passare il test, rimane il terzo setaccio, quello dell'utilità. E' utile che io sappia cosa mi avrebbe fatto questo amico?
- No, davvero.
- Allora, - concluse Socrate, - quello che volevi raccontarmi non è né vero, né buono, né utile; perché volevi dirmelo?